Progetto Officina Didattica " L'arte di raccontare" - Fondazione CRC


L’arte di raccontare è un progetto triennale di rete, finanziato dalla Fondazione CRC, che ha coinvolto dieci scuole del territorio, soprattutto dell’albese, di Chiusa di Pesio e il nostro istituto. È un progetto finalizzato a potenziare le competenze comunicative, espressive, trasversali degli alunni e a favorirne il successo scolastico. Il percorso ha previsto la formazione attiva dedicata ai docenti e attività di sperimentazione, anche con l’utilizzo di attrezzature tecnologiche, nelle scuole della rete e nello specifico nella classe 4^ A della scuola primaria Trigari.

Sperimentazione "I linguaggi delle discipline"

La sperimentazione ha previsto la costruzione e l’articolazione di un’unità di apprendimento  legata agli interessi degli alunni e la predisposizione di verifiche dell’ unità di apprendimento con relative  indicazioni per la valutazione.

IL PROGETTO


ATTIVITA
'

VERIFICHE

 


Sperimentazione “Progettazione, costruzione e revisione del testo”

La sperimentazione ha previsto la scrittura di un testo narrativo, del tipo cronaca/resoconto, su un evento di cui si è fatta esperienza diretta.

IL PROGETTO

Il progetto e le attività

La sperimentazione ha riguardato la stesura di un testo argomentativo inerente la necessità o no di assegnare i compiti  durante la settimana o durante le vacanze.

Il progetto e le attività (presentazione Power Point)

ATTIVITA'

 


Laboratorio autobiografico “Raccontare se stessi”

Nel laboratorio il bambino è il vero protagonista del percorso: viene stimolato attraverso dispositivi autobiografici a parlare di sé, a scrivere di sé e a esternare le proprie emozioni rafforzando positivamente le relazioni all’interno del gruppo.

IL PROGETTO

 


Laboratorio biografico “Raccolta di storie”

Attraverso il racconto, ognuno di noi trasmette ciò che ha vissuto o sta vivendo, i suoi significati e le sue verità soggettive, ma perché ciò avvenga è necessario che ci sia un interlocutore che lo ascolti, un testimone, uno scrivano intelligente, colui che sollecita la narrazione, l’ascolta e la trasforma in un testo. Il racconto orale viene così trasformato in oralità scritta, condivisa attraverso diversi passaggi di restituzione, che diventano momenti cruciali perché attivano meccanismi di svelamento e di riflessione.

IL PROGETTO

 

 

 

 

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.